Vi è mai capitato di sentire queste parole?

“Non sono razzista, ma…”

Probabilmente sì: hanno una loro pagina dedicata su UrbanDictionary.com, compaiono in vignette e video satirici, sono state rappate in italiano e in inglese. E ancora: questo libro ne parla dal punto di vista psicologico e sociologico, quest’altro ne raccoglie numerosi esempi presi dai social network, come fa questo video in tedesco.

Ma soprattutto è una frase di tutti i giorni. Magari è scappata anche a noi.
Raramente finisce bene: di solito viene seguita da un pregiudizio o una generalizzazione basati sulla provenienza delle persone o sul colore della pelle. E questo è razzista.

Come si superano queste generalizzazioni? Provando a capire le persone che ci stanno intorno, anche se in qualcosa sono diverse da noi. Non fermandoci agli aneddoti vissuti o raccontati, ma imparando a conoscere e rispettare le altre culture.

Questo proviamo a fare a Veronalingue. Vuoi provarci con noi?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *